CARICAMENTO

Digita per cercare

Cani

Cocker anziano avvolto in un sacchetto e gettato vivo in un cassonetto, gara per adottarlo

Diffondi la notizia.
  • 4.6K
  •  
  •  
  •  
  •  
    4.6K
    Shares

FIRENZE, amici degli animali dobbiamo raccontarvi l’ennesima storia brutta ma anche estremamente commovente.Hanno cercato di sbarazzarsi di lui, un Cocker Spaniel di 17 anni, lo hanno tramortito probabilmente con una botta in testa e poi dopo averlo avvolto in un sacco di plastica nera, lo hanno gettato in un cassonetto dei rifiuti. Si, come fosse immondizia, il povero animale ha rischiato di essere triturato dalla macchina dei rifiuti, ma la sorte evidentemente aveva altro in serbo per questo dolce cane anziano.

Tramortito, aveva ancora la forza di emettere flebili guati che però sono stati avvertiti dalla signora Costanza, affacciata al suo balcone. Scesa di corsa in strada, ha prestato soccorso al cane, e, togliendo il sacco nel quale era avvolto, si è accorta dello stato di malnutrizione in cui versava il povero animale e non solo….cosa peggiore presentava un profondo taglio al collo, avevano estratto il microchip per evitare l’identificazione della famiglia di appartenenza.

loading...

Trasportato al più vicino centro veterinario, è stato chiamato BOH in assenza di nome, le sue condizioni sono apparse subito critiche ed aggravate dalle sue precedenti patologie come un tumore al cervello e problemi ai reni e al fegato. Nonostante tutto, Boh è stato cirrcondato dall’affetto di molti fiorentini che si sono mobilitati in una gara di solidarietà, offrendo soldi per le cure e anche semplicemente andandolo a trovare per una carezza.

Le Guardie Dell’Ente Nazionale Protezione Animali (EMPA), sono riusciti, nonostante l’assenza del microchip, a rintracciare gli ex proprietari di Boh, adesso dovranno rispondere del reato di abbandono di animale aggravato dalla crudeltà. Unica giustificazione: credevano il cane fosse già morto. Questa triste storia però ci insegna che a fronte dell’esistenza di tante persone insensibili e violente, ce ne sono altre che si prodigano per la salvezza di queste creature indifese.

loading...

La signora Costanza Giovannoni, che lo ha salvato dal cassonetto di via Brozzi, dove Boh era stato gettato, ha deciso di tenerlo con sè, dopo il coma e le cure, vorrebbe accompagnare dolcemente e con affetto questo angelo verso i suoi ultimi giorni. Quanta umanità e sensibilità questa signora che ha accolto Boh senza riserve, in casa ha altri 2 cani che sembrava avessero capito di quante attenzioni avesse bisogno il nuovo inquilino, e, con tenerezza, hanno aiutato la signora Costanza anche il figlio e il marito. Poche settimane dopo Boh ha passato il ponte, ma ha potuto sentire tutto il calore e l’amore di una famiglia vera. Vorremmo ricordare a chiunque avesse problemi a tenere un animale, di non abbandonarlo al proprio destino, nè tantomeno di gettarlo come immondizia in un cassonetto, portatelo alle tante associazioni animaliste che sapranno come prendersene cura. GRAZIE

 

 

 

Tags:

Lascia un Commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *